La politica della vergogna sta oltrepassando ogni limite

E’ giunta l’ora di mandarli a casa tutti

Hanno introdotto l’Imu e l’equivalente dei soldi raccolti li hanno dati al Monte dei Paschi di Siena per poterlo salvare. Ed ora si scopre che questi grandi banchieri facevano magheggi. Ancora una volta titoli tossici, finanza creativa, ecc. Ma negli stati uniti sarebbero tutti già in galera a vita!
Non dimentichiamo che Monti lavora per le banche!

Hanno messo in ginocchio le famiglie con l’aumento di iva, benzina e tasse sulla casa, ma il parlamento, con la complicità di tutti i partiti, ha approvato l’acquisto di 90 caccia F35 per una spesa di 15 miliardi di euro!
Non dimentichiamo che tale spesa è stata approvata anche con i voti del PD

Hanno inventato il redditometro, sotto la cui lente finiranno anche i lavoratori dipendenti, aumentato le tasse, hanno allungato l’età per la pensione, ma alla fin fine i privilegi della casta non li hanno neppure toccati. I posti nelle province e regioni rimarranno sempre gli stessi. I figli dei grandi capi sono tutti ben sistemati in vari enti pubblici o commissioni politiche ed economiche varie. I parenti e i collaboratori dei grandi capi sono fornitori e consulenti dei vari ministeri.
Gli aumenti del gettone parlamentare sono stati approvati all’unanimità! La proposta di riduzioni dei vitalizi ai parlamentari, è stata respinta con la quasi totalità dei voti di tutti i partiti.
Non dimentichiamo che tra questi c’è anche la LEGA con le sue decennali battaglie contro Roma ladrona.

Le aziende chiudono e si perdono posti di lavoro, la nostra economia crolla, le famiglie spendono meno di 15 anni fa, i poveri aumentano… e questi non muovono un dito, continuano a spendere e succhiarci il sangue, non un sacrificio da parte loro.

E’ giunta l’ora di mandarli a casa tutti!

politici ladri,casta,privilegi,tasse

 

 

 

(foto presa da Avaaz.org)

La politica della vergogna sta oltrepassando ogni limiteultima modifica: 2013-01-24T12:26:00+00:00da uomosenzapalle
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento